Italiano curiculum • Comandatizia

 • STUDI MUSICALE, ACTIVITA CONCERTISTA 

David Campignon, pianista belga, è nato ad Hayama, Giappone, ed in questo Paese ha iniziato lo studio del pianoforte con i Maestri Anna Rosa Taddei, H. Puig-Roget e K. Yasukawa. Trasferitosi in Francia all'eta di 15 anni ha proseguito gli studi con C. Collard al Saint Maur Conservatoire, vincendo Primi Premi a concorsi e 3 medaglie d'oro come migliore allievo 1992. Schola Cantorum Paris 1998-2008 docenti Perticaroli.

tan 5755---version-2 med hr-4

 Si è diplomato all'Accademia di Santa Cecilia in Roma, Corso di perfezionamento ,studiando pianoforte con il M°Sergio Perticaroli e Musica da Camera con F. Ayo et R. Filippini. Fin dal 1997 ha seguito Master Classes con i M°Kazuoki Fuji, L. Bermann, A Vardi, R Buchbinder, H Barda, J Rouvier.

Ha tenuto concerti sia da solista che di Musica da camera in importanti Sale a Parigi in Francia (Salle Gaveau, Eglise Paris-Luxembourg St Marcel, Fondation des Etats- Unis, Salle Franck-Schola, Edition Ilyfunet, Atelier de la main d’or, Paroisse Breuteruil Paris 7e, Ha inciso un CD a Parigi con musiche per voce e pianoforte in collaborazione con il soprano giapponese Ayao Ito. Auditorium di St-Germain-des-Prés Conservatoire, Eglise Bethanie Parigi, Saint-Pathus-Morte Fontaine, Saint Maur, Marly, Joint-ville: Auditorium, Autun Bourgogne musée Rolin,Théâtre les rendez-vous d'ailleurs, in Italia (Auditorium del Parco Della Musica Sala Grande, Auditiorium de Via Del Conciliazone Roma, Villa Torlonia Tempietto, Napples-Ischia, in Sicilia Villa Franca, Milan Trivulsio Principessa Joland, Venise Palazzo Albrizzi, Festival International di Stresa-Lac Major cinque stelle), in Austria Mozarteum Salzburg Wiener saal, Uk Steinway Hall Bond St LondonSpain Casa del medico Barcelona, Germany Hannover contemporary museum, Andorra Cultural centerin, in USA Washington Clarice Smith great hall, Belgica Bruxelles (Haskanazi Hall , Hanlet-Steinway), in Malta Victoria Festival, Manoel Theater Valletta, in Giappone (Tokyo Bunka Kaikan, Sonare-Ito Hall, in Hibiki Hall Kyushu, Modernt Art Museum Yokosuka, Zushi, Plazza Hall, Hayama Bunka Hall, Kamakura Geijuitsukan, Yokohama kenmin Hall) 

E'vincitore di numerosi concorsi : 1°Premio Montdidier European Competition, Vincitore final Parigi, 10 th Paris - Pontoise Young Pianists International Meeting.; 1°Premio assoluto al Concorso europeo di Villafranca Tirrena e 2°Premio (Primo premio non attributo)- Concours Vulaines-sur-Seine, 3° Grand Prix ;  al Concorso Europeo di Musica « Valle del Barocco » (Italia) ; Diploma d'Onore al Concorso Maria Canals di Barcellona (Spagna) 2° Premio al Concorso mus4° Premioical de France Parigi. Al Concorso Internazionale Adilia Alieva (Francia) e Premio Speciale Virtuosismo. 


P1090059select•COMANDATIZIA


Commento del Professor Adilia ALIEVA (concertista russa di fama internazionale residente in Francia)
« Ho conosciuto David Campignon in occasione del 4° Concorso internazionale Adilia Alieva che si tenne nella primavera del 2004 a Gaillard , in Francia, di cui ero organizzatrice e presidente. Il suono di David è pieno di emozione e nello stesso tempo professionalmente perfetto. Il suo repertorio è assai vasto e presenta una ricca gamma di suoni. La sua intrepretazione è vigorosa, possiede un senso innato della scena una forte presenza scenica… »
ADILIA AlLIEVA (Annemasse, August the 28th, 2004)

Commento del Maestro Rocco Filippini sulla prestazione de David Campignon (Corso di Porta Nuova, 34, 20121 Milano, Italia)
Violoncellista concertista, professore all’Accademia di Santa Cecilia, Roma Corso di perfezionamento , 3° ciclo, musica da camera)
« Non si tratta solo di un interprete di grande sensibilità musicale, ma anche di un virtuoso della tastiera e di un professionista completo che raccomanderò per l’concorso di piano Rubinstein in Israele… »

Revue concerto da Peter Sutton (critico musica) Recensione del critico musicale Peter Sutton. A mio giudizio, David Campignon è un pianista completo, che produce un'incantevole tavolozza di tessiture e colori, con una tenerezza profondamente sentita e squisita quando è il momento, e sempre con una tecnica tanto notevole che le sue linee melodiche chiare e brillanti e le voci interne sembravano incise come nel vetro col diamante. E tuttavia, quando la partitura e il cuore sensibile di David lo richidevano, il suo tocco magico ha trasformato il piano da uno strumento a percussione ad uno strumento che sembrava trarre il suo suono dal miele.  (Victoria International Art Festival, Gozo-Malta giugno 2012)


 David Campignon. L'interprete ha dimostrato che Schubert poteva andare al punto con il massimo fascino... Era colui che poteva far cantare il pianoforte. Anche l'altro lato di Schubert è presente: i passaggi drammatici, il pathos, il calore lirico e la forte passione. Molte diverse emozioni si sono accatastate in una transizione che si è sviluppata con una robusta struttura ritmica e sempre con il tocco sicuro ma elegante e raffinato di Campignon.   
The Malta Times, Albert Storace review


Autun 25 juillet 2008, samedi & Cie
E' stato un récital di pianoforte romantico quello proposto da questo interprete... Un musicista la cui finezza e potente virtuosismo danno l'impressione di riscoprire brani ben noti ma tanto spesso interpretati approssimativamente, di Chopin, Rachmaninov, Scarlatti, Moszkowski: sono stati ricreati nella memoria di questo pubblico, insieme con le arie e le melodie leggendarie di cui sono all'origine. L'adagio in si minore di Mozart ha inaugurato il programma creando un momento di grazia fatta carne. Dopo l'intervallo, David Campignon ha incantato il pubblico con la sonata D960 in si bemolle maggiore di Schubert. (Concert à Autun 27 juillet 2008 Musée Rollin, revue de presse Bourgogne)


Ongakunotomo il 2019 marzo  Ishikawa Tetsuro   Concerto di David Campignon l'11 gennaio a Tokyobunkakikan.  Schubert sonate D960, Berg Sonate, Beethoven Hammerklavier, Scalatti Sonate pour pianoforte L 241, Berio 6 encores.   Anche durante un programma colossale che eccede 2 ore, il pianiste ha saputo combinare l'espressione, la sensibilità e la morbidezza. I giochi hanno penetrato nel cuore degli ascoltatori in Berg e Berio. I temi e ragioni che costituiscono il sonate hanno rivelato la vera natura dell'opera in un controllo pieno di brio e di libertà. La mano ha idealmente ottenuto una tecnica incaricata di forza che è la propria del rilassamento.  Toccato ha rivelato un mondo interno delle parti, il modernismo meraviglioso, i contrasti sonori che costituiscono le sei parti formano un seguito allo stesso tempo enivrante e radicalmente perentorio.  I suoni offrono variazioni multiple così la vitalità delle espressioni collegano l'opera.  Schubert è sembrato essere un poco formale non che supera un aspetto strumentale nonostante ciò Scherzo è stato un grande successo a qualsiasi riguardo,  tutto orientabile in slancio che arriva ad un'impressione di levitazione.   Beethoven in elasticità ed emozionale, l'interprete sembrava essere sempre sul cammino stretto della ricerca dell'ideale strutturale dell'classicisme che costituisce la parte.


Parisienne Post Cards,Thuesday, October 2012
L'impatto del concerto in quest'ambiente è stato incredibile. Eravamo letteralmente persi nel suono e la bellezza della musica… una sera piena di momento magico della musica. Parisienne Post Card

Assahi- mainichi Japan press     “Pianista David Campignon…La musica che vibra nel cuore”
Tokushima Japan press (From Tokyobunkakaikan recital)      “Esprime con la musica varie espressioni, la passione…”

PROGRAMMA DI CONCERTO
 

© David Campignon 2020 David Campignon - all rights reserved. Every web page, article, photo, video or audio file, where not differently specified, is copyright © of David Campignon, and intellectual proprieties of the respective authors. Every copy of the material of this site, partial or total, is strictly prohibited, and will be pursued by law.